Il Serraglio APS, ideatrice ed organizzatrice di Vicoli Corti_Cinema di Periferia, dalla scorsa edizione ha inserito una sezione dedicata alle scuole attraverso attività di rassegne tematiche e laboratori di educazione all’immagine per studenti e corpo docente.

Per potenziare le attività destinate alle scuole ha partecipato al Piano Nazionale di educazione all’immagine per le scuole promosso dal Ministero alla Cultura e dal Ministero all’Istruzione, ed il progetto presentato è risultato tra i vincitori finanziati dal Ministero dell’Istruzione e dal Ministero della Cultura.

Il progetto si articola in diverse azioni – con obiettivi specifici – che in parte rientrano nella film education, mirando a stimolare l’interesse critico e la conoscenza da parte del pubblico, in particolare di quello giovane, per i film e le opere audiovisive quali strumenti di comunicazione, in parte sono career-oriented, ponendosi come occasione di avvicinamento degli studenti al settore cinematografico da un punto di vista professionale, attraverso una formazione sia teorica sia pratica.

Il nome del progetto è PRICÒ-IL CINEMA È GIOVANE. Pricò fu il primo romanzo dello scrittore e sceneggiatore tarantino Cesare Giulio Viola, da cui fu tratto il film “I bambini ci guardano”, diretto da Vittorio De Sica. E “i bambini ci guardano” è la traccia del progetto che vede coinvolte scuole ed enti che operano sul difficile territorio tarantino in cui la Cultura ha il valore dirimente di consapevolezza e riscatto. È proprio lo sguardo dei più giovani ad essere al centro del progetto che mira alla formazione di un pubblico capace leggere il proprio tempo, grazie allo sviluppo di abilità critiche utilizzando le narrazioni autoriali cinematografiche. Ma il Cinema è anche un’Industria e rappresenta un’opportunità di inserimento lavorativo, specie nella regione Puglia che molto sta investendo in azioni tese a incrementare il lavoro di produzione e a sviluppare maestranze che possano operare in loco. Su questo doppio canale si sviluppa il progetto che coinvolgerà direttamente 3 istituti scolastici di 3 diversi comuni della provincia di Taranto, e che contempla le seguenti azioni:

  • Attività didattica riservata ai docenti: lo sviluppo o il rafforzamento negli insegnanti delle capacità di lettura critica del linguaggio cinematografico ha positive ricadute sugli studenti che, anche grazie a quella trasmissione di saperi e di strumenti, si avvicineranno al mondo cinematografico in modo curioso e consapevole, ricercando anche le sue forme più complesse. Sono previste quattro lezioni frontali con l’ausilio di supporti audiovisivi più un’esercitazione finale. Questo modulo è a cura del critico cinematografico e formatore ministeriale Massimo Causo.

 

  • Attività riservate agli studenti
      1. Didattica sui Mestieri del Cinema. Obiettivo: conoscenza del settore produttivo anche quale azione di orientamento professionale. Saranno coinvolti professionisti del settore che avranno modo di descrivere il Cinema dal punto di vista di chi “fa” il Cinema:
        • SCENEGGIATURA
        • REGIA
        • FOTOGRAFIA
        • STORYBOARD
        • SCENOGRAFIA
        • COSTUMI
      1. Attività laboratoriali sulla produzione cinematografica.
        Obiettivo: sviluppare competenze legate allo sviluppo di un prodotto cinematografico e alla capacità di operare in team su un progetto che coinvolgerà gli studenti. L’output dell’azione sarà la produzione finale di un prodotto filmico.
      1. Rassegna “Genius loci”
        Obiettivo: educare al linguaggio cinematografico come strumento di racconto e di lettura dei territori. Saranno utilizzati diversi linguaggi e formati cinematografici (dal cortometraggio al film d’animazione, dal film al documentario). La visione di ciascun film sarà preparata in aula dai docenti formati e, in sala, sarà guidata da un esperto che li aiuterà nel racconto critico del territorio coinvolto. Sono previsti quattro appuntamenti al cinema.

ISTITUTI COINVOLTI

  • IISS DE RUGGIERI DI MASSAFRA
  • LICEO ARTISRICO CALO’, SEDI DI GROTTAGLIE E TARANTO

PREMIO PRICÒ

Il progetto si concluderà con il “Premio Pricò” dedicato alle scuole: oltre agli istituti che aderiranno al progetto, potranno partecipare tutte le scuole pugliesi – di ogni ordine e grado – presentando opere audiovisive autonomamente prodotte. I vincitori del concorso parteciperanno di diritto alla 18^ edizione di “Vicoli Corti. Cinema di periferia”, organizzato dal proponente, cui il progetto si collega.

Scarica da qui il regolamento e la scheda di iscrizione